giovedì, Aprile 18, 2024
spot_img
HomeArte e CulturaIntervista a Felice Altarocca (Paxarmata)

Intervista a Felice Altarocca (Paxarmata)

DA UNA CHAT WHATSAPP CON L'ARTISTA

FORMAZIONE PAXARMATA
VOCE: FELICE ALTAROCCA
CHITARRA: MARCO SALES
BASSO: BEZ YORKE
BATTERIA: MICHELE GISONNI

Inizio attività: 2015
Dischi prodotti in studio finora: MAMHILAPINATAPAI ed EUROSPLEEEN. da una chat wapp

  • Ciao Felice. Come stai?
  • Felice: Tutto bene, grazie.
    Mi fa piacere. Allora Felice, parlando del vostro primo disco, cosa significa il nome “Mamhilapintapai“?
  • Felice: Significa “Guardare negli occhi una persona aspettando che ti dica quello che tu vuoi che ti dica“. È una parola di una popolazione indigena della Terra del Fuoco.
  • Bello.
  • Felice: Sì, bellissima.
  • Che brani contiene il primo disco?
  • Felice: L’eterno padre, Arancia Metalmeccanica, S’ì fosse foco (cover De Andrè, da una poesia di Cecco Angiolieri), Normal Bates, Il lavoro rende schiavi, Spaisà, Il dissidente, Boiati.
  • I testi Felice li scrivi tutti tu, giusto?
  • Felice: Sì, in perfetta solitudine.
  • Veniamo alla formazione: siete sempre stati voi quattro o è cambiata nel tempo?
  • Felice: È sempre stata la stessa, fatta eccezione per il batterista che abbiamo cambiato. Il nostro primo batterista Andrea Marazzi ora è un ottimo tatuatore, e il suo posto l’ha preso Michele.
  • Ti va di parlarmi di Eurspleen?
  • Felice: Certo, Eurospleen l’abbiamo registrato nel 2017 allo Studio Nero, a differenza del precedente che abbiamo fatto tutto “in casa”. Contiene 5 pezzi: Eurospleen, Subconscio, Carlo, Oblio, e Deja vu.
  • Cos’è lo Studio Nero?
  • Felice: È uno studio che nel 2017  e anche negli anni precedenti era abbastanza frequentato. Se non erro lì fu registrato il primo disco di Calcutta.
  • Per quanto riguarda la parte musicale, chi la scrive?
  • Felice: Non ci sono vere e proprie composizioni, nasce tutto in maniera collettiva da spunti di Bez e Marco.
  • Quindi in modalità Jam-Session, diciamo?
  • Felice: Si, esatto. E quando prendono un senso cerchiamo di dargli una forma di canzone con testo eccetera.
  • Per quanto riguarda la genesi dei testi: hai una linea di lavoro precisa? Come ti lasci ispirare?
  • Felice: Possono nascere da concetti che mi girano in testa, magari da anni. O anche da fascinazioni. Dai suoni delle parole. Talvolta mi sono divertito anche a dare un senso a puri collage di parole: il testo pare segua un filo logico invece è pura architettura. Possono avere una tematica sociopolitica, anche se mi piace metterci dentro sempre un po’ di ironia e di lirismo, quindi direi che sono psicologico-sociali. E ovviamente devono contenere qualche enigma, qualche gioco di parole, qualche “chicca” che magari vedo solo io, tipo i fotogrammi subliminali nei film.
  • Hai un brano preferito, che ti sta più a cuore?
  • Felice: Ce ne sta uno tra le cose nuove che stiamo facendo, ma tra quelle già fuori… Spaisà! Il testo parla dello spaesamento esistenziale, e gioca col titolo del film “Paisà” di Rossellini.
  • Quindi al momento cosa state preparando di nuovo?
  • Felice: Abbiamo 6/7 pezzi. Ne vorremmo mettere su perlomeno il doppio, per sceglierne un po’ e fare il disco. Ma col Covid stiamo andando molto lenti.
  • Come genere vi definite Alternative/rock?
  • Felice: Sì, direi che può andare.
  • Quanti live avete all’attivo, se si può fare una stima?
  • Felice: 74 in totale.
  • Tutti a Roma o anche fuori?
  • Felice: Fino ad oggi la maggior parte a Roma, ma anche qualcosa nei dintorni come Ferentino, Albano, Velletri, Sutri.
  • Qual è il locale che ti manca più in assoluto?
  • Felice: Le Mura, e il New Rockness ad Albano. 
  • Felice, io ti ringrazio, per oggi è tutto. Salutami gli altri componenti del gruppo, e speriamo di poterci vedere al più presto sotto ad un palco. 
  • Felice: Grazie, a presto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments